Terre di murge

Terre di Murge

Terre di Murge è una rete di operatori turistici ed enogastronomici.
Fanno parte della rete strutture extralberghiere, trattorie ed osterie, artigiani produttori gastronomici,
cantine vinicole, aziende vitivinicole, frantoi, guide turistiche abilitate, guide ambientalistiche,
agenzie di viaggi, esercizi commerciali vendita di prodotti tipici, souvenir, laboratori artigianato
tipico, musei privati, attrazioni turistiche. Facciamo parte del Distretto del Cibo del Parco nazionale
Alta Murgia.
La rete nasce per promuovere il territorio delle Murge a cavallo fra Puglia e Basilicata e che
comprende il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, il parco regionale della Murgia Materana, il parco
delle Gravina, il parco naturalistico Capotenda, il museo all’aperto dell’acqua e della pietra, due siti
Unesco: Castel del Monte e i Sassi di Matera. La rete è dotata del servizio Info Point turistici.
Territorio ricco di boschi, foreste, agriturismi, masserie didattiche, percorsi per cammini a piedi e in
bici, di qua passa il cammino dell’Appia antica Traiana oltre al cammino della via Francigena e
Micaelica. Ricco di tanti borghi autentici, di città d’arte e turistiche. Ricca di Storia, di tradizioni, di
Ambiente e di Gastronomia. Il nostro slogan è “Visit Murgia. Tante Storie, Tante Emozioni!”
La destinazione Terre di Murge, offre tutti i servizi al turista che ama la tranquillità, la buona
cucina, la cultura. Molte le esperienze a disposizione: corsi di cucina tipica pugliese e lucana;
percorsi nei vigneti con assaggi di vini biologici; visite a frantoi di olio EVO; percorsi in birrifici
artigianali murgiani; percorsi in centri benessere e SPA ricavati in ipogei; vendemmia, salsa di
pomodori, conserve, raccolta di erbe e frutti spontanei della murgia; alla ricerca del Fungo
Cardoncello.
Per noi partecipare al GECO Expo è un motivo per promuovere il nostro territorio ma anche offrire
ai buyer, T.O., ADV, turisti, un soggiorno e una visita in questo territorio che l’Imperatore Federico
II° ebbe a definirlo “Giardino delle Delizie”.